Il secondo consiglio di Ilya Pozin

Continuiamo i nostri motivational mondays con i nove consigli di Ilya Pozin per motivare i propri dipendenti. 

 

Il primo consiglio era totalmente condivisibile, tanto era evidente nel suo buon senso: Sii generoso con i complimenti. Effettivamente i complimenti sono riconoscimenti a un lavoro ben fatto, e fungono da incitazioni per proseguire nel circuito virtuoso e guadagnarsi altre parole positive. 

Nel secondo consiglio di Pozin, sempre dal suo articolo su Inc.com, ci siamo trovati un po’ in difficoltà. 

Infatti, consiglia di liberarsi dei manager. Consiglio che ha suscitato grande stupore: “ma come?! Non ci si espone così al rischio della responsabilità condivisa, quindi delle responsabilità di nessuno? Non significa esautorare figure esperte, con ruolo di guida e supervisione? E quindi lasciare gioco all’anarchia?”.

 

Provocazione o riflessione?

A ben rileggere, invece, e sempre tenendo ben presente il suo ruolo di imprenditore a capo di diverse aziende, che cosa leggiamo?

 

 

Bisogna disfarsi dei manager. Progetti senza Project Manager? Non sembra una cosa corretta! Provate. Rimuovere il project leader o il supervisore, e dare la possibilità al proprio staff di lavorare insieme come team piuttosto che ognuno debba fare rapporto a un singolo superiore può fare miracoli. 

Pensateci. Che cosa c’è di peggio che abbandonare il proprio supervisore? Abbandonare il proprio team!

Permettere alle persone di lavorare insieme come team, su un livello equivalente ai propri colleghi, spesso avrà come effetto di produrre progetti migliori in minor tempo. Le persone arriveranno presto, andranno via tardi e dedicheranno una maggior energia nella risoluzione dei problemi. 

 

§§§

 

Get rid of the managers. Projects without project managers? That doesn’t seem
right! Try it. Removing the project lead or supervisor and empowering your staff to work
together as a team rather then everyone reporting to one individual can do wonders. Think about it. What’s worse than letting your supervisor down? Letting your team down! Allowing people to work together as a team, on an equal level with their co-workers, will often produce better projects faster. People will come in early, stay late, and devote more of their energy to solving problems.

 

Un consiglio controverso

Di sicuro è un consiglio controverso. A ben leggere il suo obiettivo sembra quello di trasformare la propria azienda in un alveare ben oliato, in cui tutti i membri lavorano insieme, allo stello livello, verso un unico obiettivo: la comunità. 

 

Tuttavia, anche in un alveare ci sono ruoli ben definiti. Pochi, ma precisi. Quindi vogliamo credere che il consiglio non sia di sbarazzarsi dei manager, ma di smetterla di abusare del titolo di manager. E spingere verso una collaborazione tra i ruoli, responsabilizzando il team, o meglio, le PERSONE del team. Per sbarazzarsi, invece, della brutta tendenza ad isolare le persone entro tanti job title altisonanti, con responsabilità e collaborazioni ridotte entro la definizione sul proprio biglietto da visita. L’obiettivo dovrebbe essere creare una leadership distribuita che consenta di fare a meno dei manager, ma non dei leader! 

Quindi, sì, confermiamo il fatto che questo consiglio ribalta il concetto di responsabilità individuale, che tradizionalmente risulta rassicurante, ma allontana i dipendenti tutti dall’obiettivo di benessere comune e condiviso. Ma spinge in direzione di una società collaborativa, in cui, però, NECESSARIAMENTE la visione deve essere individuata dall’imprenditore e dai suoi collaboratori più vicini. 

 

Meno manager, più team

Quindi, sì, meno manager, ma precisa distribuzione e attribuzione dei ruoli, per avere un team, un gruppo di lavoro, una società collaborativa, più motivata e responsabilizzata

 

E, per dirla con William Arthur Ward, qui sopra: “La leadership si basa sull’ispirazione, non sulla capacità di dominare gli altri; sulla collaborazione, non sull’intimidazione”.

 

YOPAdvisors collabora con l’imprenditore e la sua impresa a trovare la giusta struttura della sua impresa, a individuare ruoli e ad assegnarli alle persone giuste, al posto giusto e al momento giusto. Se state pensando a una ristrutturazione della vostra azienda, se volete rinnovarla e rinvigorirla, i nostri partner specialisti in coaching e processi aziendali possono essere a vostra disposizione: info@yopadvisors.com 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *