La crisi delle risorse umane: la soluzione è coltivare i talenti

Questa settimana la nostra attenzione è stata attratta da un TedTalk di ormai 13 anni fa: Sir Ken Robinson, studioso e conferenziere in tema di educazione, tratta il tema del coltivare i talenti personali e della necessaria rivoluzione in termini di scolarizzazione ed istruzione.

Nel suo intervento, ancora oggi attuale, Robinson ci fa riflettere su ciò che diamo per scontato: ovvero un’impostazione del sistema educativo fondato sulla linearità. La nostra istruzione comincia all’asilo e termina con l’università e il lavoro.

Eppure, non deve essere un sistema così preciso ed efficace se, oggi, vediamo situazioni di difficoltà a trovare impiego. Con il concreto rischio, poi, di trovare a fare lavori che non si amano, unicamente con l’obiettivo di ottenere il compenso e vivere veramente negli orari extralavorativi.

 

La formazione è un processo organico

 

È evidente, così, che il sistema, per come è pensato, non è più attuale. Anche perché è fondato sulla concezione lineare che si da alla formazione. Questa concezione è ormai un dato acquisito, lo diamo per scontato. E se invece non fosse così?

Se invece la nostra istruzione e formazione ci offrisse di coltivare i nostri veri talenti, anziché farci concentrare su programmi standardizzanti e uniformanti? Se il sistema educativo fosse organizzato in maniera organica, ovvero alimentando le inclinazioni personali, fermo restando il bisogno di educazione alla vita sociale?

Ciò permetterebbe l’emergere di numerose scoperte e innovazioni: semplicemente incoraggiando e nutrendo le propensioni personali si potrebbe accelerare un percorso di evoluzione collettivo.

Più facile a dirsi che a farsi, effettivamente, perché richiede il faticosissimo sforzo di uscire dalla propria comfort zone, e rimettere in discussione tutto quanto acquisito in precedenza. Difficile. Ma non impossibile.

 

L’innovazione è un’esigenza umana di sempre

 

Sir Robinson spiega il suo tema – quello dell’innovazione e dell’adattamento – paradossalmente, citando un intervento di Abraham Lincoln del 1862, a significare che l’innovazione e il progresso sono sempre un tema umano.

“I ​​dogmi del passato tranquillo sono inadeguati al presente tempestoso. Le circostanze sono colme di difficoltà, e noi dobbiamo dimostrarci all’altezza della situazione. Tanto sono ricchi di novità gli avvenimenti che dobbiamo affrontare, così dobbiamo pensare in modo nuovo, e dobbiamo agire in modo nuovo. Dobbiamo disincantarci, e quindi salvare il nostro Paese.”

 

Coltivare i talenti in azienda

 

E se il Paese fosse un’azienda? Hai mai pensato che i tuoi collaboratori potrebbero avere dei talenti che non immagini? E che potrebbero arricchire, con le loro passioni ed energie, la vita e l’offerta della tua squadra?

Sempre Sir Robinson ci ricorda che le comunità si fondano sulla molteplicità dei talenti. Quindi perché non essere innovatori noi stessi e cominciare a promuovere la moltiplicazione del talento?

Perché non cominci a indagare tra le tue persone, il tuo team, con un percorso di visualizzazione e progettazione di un futuro condiviso, ad esempio con un Build Up the Future o percorsi di business coaching ? YOPAdvisors potrebbe aiutarti in questa evoluzione: scrivici a info@yopadvisors.com

 



Vuoi approfondire? La tua opinione ci interessa! Scrivici e ti ricontatteremo.